RIABILITAZIONE POST TRAUMATICA E CHIRURGICA

La riabilitazione post traumatica per ogni caso clinico fonda il suo successo nella formulazione di uno scrupolso programma di riabilitazione per il ripristino della capacità funzionale persa, cercando di rispettare degli step terapeutici e sequenze temporali degli stessi.

In ogni percorso rieducativo il fisioterapista in base alle proprie conoscenze ed esperienze si avvale di terapie elettromedicali, manuali e neuromotorie, spesso fuse tra loro e di intensità proporzionale alla loro specifica utilità.

A parità di sesso, età, tipologia di trauma o intervento chirurgico, spesso il paziente presenta una evoluzione singolare del quadro clinico-funzionale, che obbliga il Fisioterapista attento a concentrare maggiormente una metodologia terapeutica a scapito di un'altra.

Sarebbe ad esempio inutile in un ginocchio edematoso sottoposto a ricostruzione del legamento crociato anteriore, insistere nel recupero forzato della flessione anzichè promuovere una terapia antiedemigena, o iniziare la corsa lenta senza un recupero completo del tono-trofismo muscolare. Uno degli errori più comuni del fisioterapista è di concentrare l'intervento riabilitativo unicamente su il segmento corporeo interessato.

La logica professionale di FisioUdine considera la Riabilitazione sotto una ottica globale, il recupero funzionale di una articolazione o di una unità mio-tendinea può avvenire solo allargando l'intervento rieducativo all'intero arto o catene muscolari di cui fà parte.

Lo studio di riabilitazione FisioUdine , con competenza e professionalità si occupa del recupero funzionale muscolo-articolare post traumatico e post chirurgico nel campo ortopedico, nei casi clinici di seguito elencati:

  • ricostruzione chirurgica del legamento crociato anteriore
  • acromion plastica della spalla
  • ricostruzione tendinea del sopraspinato e-o altri tendini della cuffia dei rotatori della spalla
  • protesi di spalla
  • protesi totale di ginocchio e protesi monocompartimentale
  • pulizia cartillagine femoro-rotulea
  • artroprotesi d'anca cementata e biologica
  • endoprotesi d'anca cementata e biologica
  • fratture di femore ridotte con chiodo midollare
  • fratture di caviglia, polso, gomito, spalla, diafisarie, ridotte con placca e viti
  • importanti eventi distorsivi con potenziale compromissione capsulo-legamentosa (es. caviglia)
  • postumi distorsivi del rachide cervicale e-o lombare da colpo di frusta
  • traumi diretti ed indiretti con lesione muscolare

I commenti sono chiusi